In data 5 ottobre 2021, la Nord Stream 2 AG (“Nord Stream”) ha presentato ricorso dinnanzi alla Corte di giustizia federale (Bundesgerichtshof) contro la decisione della Corte Regionale di Düsseldorf (Oberlandesgericht Düsseldorf) che, il 25 agosto 2021, aveva respinto la sua richiesta di riformare la decisione del 2020 con cui il Bundesnetzagentur (Agenzia federale per le reti) aveva stabilito che il progetto “Nord Stream 2” non poteva essere esonerato dall’applicazione delle disposizioni della Direttiva (UE) 2019/692[1].

Completato il 6 settembre 2021, il Nord Stream 2 è il più grande gasdotto al mondo ed è destinato, con i suoi 1230 km di lunghezza, a collegare Russia e Germania attraverso il Baltico raddoppiando il tracciato del già esistente Nord Stream, che corre parallelo al nuovo progetto. Più particolarmente, il gasdotto si inabissa nei pressi di Vyborg (Russia) e torna sulla terraferma vicino a Greifswald (Germania), allacciandosi così alla rete di distribuzione dell’Unione e bypassando completamente gli Stati baltici, quelli di Visegrad[2], l’Ucraina e la Bielorussia. Il progetto, pertanto, risulta inviso a diversi Stati Membri, in quanto potrebbe non solo aumentare la dipendenza dell'Unione dalle forniture energetiche russe, e bensì anche consentire alla Russia di consegnare il gas direttamente ai suoi maggiori clienti, aggirando le infrastrutture degli Stati dell'Europa centrale e orientale che attualmente riscuotono lucrose tariffe sul trasporto del gas. Il gasdotto, inoltre, ridurrebbe drasticamente il potere contrattuale di questi ultimi in caso di contenzioso con la Russia, che avrebbe a disposizione una rotta di approvvigionamento alternativa.

Introdotta nell’aprile 2019, la Direttiva (UE) 2019/692 ha modificato la Direttiva 2009/73/CE[3] al fine di assicurare che le norme sui gasdotti di trasporto del gas naturale che collegano due o più Stati Membri siano applicabili, all’interno dell’Unione, anche a quelli da e verso Stati terzi, evitando così di distorcere la concorrenza nel mercato unico dell'energia e di causare ripercussioni negative sulla sicurezza degli approvvigionamenti[4]. Più particolarmente, ai sensi del neo-introdotto articolo 49-bis della Direttiva, lo Stato Membro in cui è situato il primo punto di connessione per i gasdotti di trasporto con un Stato terzo completati prima del 23 maggio 2019 può derogare alle norme sul c.d. “unbundling” per le sezioni del gasdotto situate sul suo territorio, per motivi oggettivi e a condizione che tale deroga non abbia ripercussioni negative sulla concorrenza, sull'efficace funzionamento del mercato interno del gas naturale o sulla sicurezza degli approvvigionamenti nell'Unione[5].

Secondo la sezione 28b della legge tedesca sull’industria energetica (Energiewirtschaftsgesetz, EnWG), che aveva trasporto la Direttiva 2009/73/CE in Germania, la parte di un gasdotto che coinvolge uno Stato terzo e che si trova in territorio tedesco può beneficiare di una deroga ai requisiti normativi a condizione di essere stata completata entro il 23 maggio 2019. Dal momento che tale condizione non era stata soddisfatta, l’Agenzia federale aveva respinto la domanda di deroga presentata da Nord Stream[6], che pertanto avrebbe dovuto rispettare, al momento della messa in funzione del gasdotto, le norme europee sull’“unbundling” di cui all’articolo 9 della Direttiva 2009/73/CE[7], ossia l’obbligo della separazione proprietaria tra le società che detengono la proprietà delle reti ed effettuano la gestione delle attività di trasporto e le imprese esercenti attività di approvvigionamento/produzione e fornitura di gas naturale.

La Nord Stream si era rivolta alla Corte di Düsseldorf, competente ai sensi dell’ EnWG, che tuttavia aveva confermato che il gasdotto non poteva venire esentato dall’applicazione delle norme europee che prevedono che le compagnie che producono, trasportano e distribuiscono il gas all’interno del mercato unico siano entità separate, allo scopo di  garantire che la concorrenza nel mercato del gas sia leale e non discriminatoria, e di evitare così che le compagnie possano ostacolare l’accesso dei propri competitors alle infrastrutture.

Non è la prima volta che la Nord Stream agisce in giudizio in contesti che coinvolgono l’applicazione della Direttiva (UE) 2019/692.

In data 26 luglio 2019, infatti, essa aveva presentato ricorso dinnanzi al Tribunale dell’Unione chiedendone l’annullamento, in quanto la stessa sarebbe stata adottata al fine di scoraggiare e porre in una posizione di svantaggio lo sfruttamento del Nord Stream 2, con ciò violando i principi di non discriminazione, proporzionalità e certezza del diritto. In data 20 maggio 2020, il Tribunale aveva respinto[8] il ricorso ritenendolo infondato, in quanto la Nord Stream non era direttamente interessata dalla Direttiva (UE) 2019/692 né dal suo articolo 49-bis, di cui essa chiedeva l’annullamento parziale. Decisione che, tuttavia, l’AG Bobek, nelle sue Conclusioni del 6 ottobre 2021[9], ha suggerito alla Corte di Giustizia di annullare nel giudizio di appello avverso la sentenza del Tribunale, in quanto, al contrario, la Direttiva sarebbe idonea a produrre effetti giuridici nei confronti della Nord Stream, estendendo l’ambito di applicazione della Direttiva 2009/73/CE a situazioni, quali quella che caratterizza tale società, che fino ad allora non erano ivi contemplate.

Nei prossimi mesi la Corte di Giustizia sarà chiamata a pronunciarsi su una questione che presenta risvolti non soltanto giuridici, e bensì anche geopolitici, nel più ampio e dibattuto contesto dei rapporti di politica energetica tra l’Unione Europea e la Russia, e in particolare, a livello di Stati Membri, la Germania e la Polonia[10]. Qualora venisse riconfermato l’obbligo di rispettare le norme in materia di “unbundling”, la Nord Stream potrebbe essere costretta a consentire l’accesso di terzi al progetto, utilizzando solo il 50% della capacità del gasdotto e concedendo il resto ad un fornitore indipendente, la cui individuazione potrebbe dar luogo a tensioni.

La sentenza della Corte di Giustizia potrebbe, quindi, in ipotesi[11], ripercuotersi anche sugli esiti dell’impugnazione pendente avverso la sentenza della Corte Regionale di Düsseldorf qui in commento.