Contratto di rete e distacco: modello “Unirete” solo in caso di codatorialità

Con la Nota n. 1229 del 16 Giugno 2022 (disponibile qui), l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito chiarimenti in ordine alla comunicazione relativa all’impiego di lavoratori in distacco nell'ambito di un contratto di rete. Come si legge nella Nota, le precisazioni dell’Ispettorato si sono rese necessarie a seguito dell'inoltro di alcuni quesiti relativi all'utilizzo del modello “Unirete”, che, si ricorda, è stato introdotto dal Decreto Ministeriale n. 205/2021.

Nello specifico, l’Ispettorato ha chiarito che le aziende che operano nell'ambito di un contratto di rete tra imprese e che distaccano lavoratori non in codatorialità, per comunicare il distacco, sono tenute ad utilizzare il modello Unilav tradizionale.

Il modulo Unirete, invece, è riservato al solo distacco - presso una impresa appartenente alla rete (evidentemente non co-datore) oppure non appartenente alla rete - dei lavoratori gestiti in regime di codatorialità.

La modulistica “Unirete”, si legge ancora nella Nota, non può essere dunque utilizzata al di fuori dei casi di codatorialità. Diversamente, infatti, non si spiegherebbe la logica di costruzione del modello “Unirete”, che pone al centro i co-datori e, peraltro, chiama in causa l'impresa referente, la cui presenza è giustificata esclusivamente nel contesto della codatorialità.

L’Ispettorato, nella citata Nota, ha inoltre affrontato il tema della cosiddetta “rete soggetto”, ossia la entità iscrivendosi volontariamente al registro delle imprese, acquisisce soggettività giuridica. Tale entità, giuridicamente autonoma e distinta rispetto alle società retiste, in virtù della propria personalità giuridica, ha la facoltà di assumere direttamente propri dipendenti, da impiegare nella realizzazione degli obiettivi prefissati nel programma di rete.

A tale riguardo, l’Ispettorato ha precisato che le società in rete potranno utilizzare i lavoratori impiegati presso la “rete soggetto”, come pure i dipendenti delle altre imprese retiste, purché abbiano sottoscritto un accordo di codatorialità, previsto e regolamentato nel contratto di rete.

In tale ipotesi, trattandosi anche in questo caso di “codatorialità”, vige l'obbligo di procedere con la comunicazione di distacco attraverso il modello “Unirete”.