Affitto riscatto e Rent to Buy sono le nuove forme di acquisto programmato (contratti a godimento anticipato) convenienti sia per chi vuol vendere, concedendo varie dilazioni, sia a chi vuole comprare (facendo ricorso in parte a mezzi propri, in parte al mutuo ed in parte allo smobilizzo di altri beni), ma non intende affrontare in tempi troppo stretti le operazioni necessarie.

Secondo il dott. Vincenzo Marzullo, commercialista, revisore dei conti, esperto in fiscalità nazionale ed internazionale dello Studio legale internazionale Giambrone Law, i  soggetti maggiormente interessati alle varie forme di Affitto riscatto o di Rent to Buy o alle forme standardizzate e codificate dal Metodo Riscaffitto, sono:

  1. Privati proprietari, aventi un solido piccolo patrimonio immobiliare, privi di necessità di liquidi ma che intendano vendere uno o più immobili per “alleggerire” o diversificare l’investimento o anche solo per evitare di dover affrontare manutenzioni straordinarie finalizzate ad una messa a reddito, per alleggerire la posizione fiscale e che non intendano “svendere”.
  2. Imprese di costruzione aventi fondamentali finanziari ed economici in regola, ma che si vogliano liberare di uno stock di invenduto, programmandone il ritorno finanziario in funzione di un soddisfacente ritorno economico, anche in concorso con le Banche ovvero con Enti pubblici e Comuni, ed anche nell’ambito del “Social Housing”.
  3. Privati compratori aventi i fondamentali ed i requisiti creditizi in regola, con redditi buoni e alte prospettive di sviluppo reddituale e sociale, ma che non dispongano di sufficienti capitali liquidi o non intendano svincolare somme da destinare alla componente di intervento diretto oggi richiesta dalle Banche.
  4. Privati con buoni redditi e possibilità di accesso al credito, ma che intendano procedere ad un acquisto senza dover vendere la propria casa, da destinare invece alla locazione.

Si scopre quindi che gli interessati, siano essi potenziali venditori che possibili acquirenti, a livelli più o meno alti, devono essere economicamente solidi e presentare le necessarie garanzie.

Il metodo Riscaffitto, nato per standardizzare e rendere immediatamente percepibile e facilmente utilizzabile ogni forma di affitto riscatto, Rent to Buy o acquisto programmato, non è una soluzione provvisoria per la crisi.

Riscaffitto e SlowBuy sono destinati a durare nel tempo anche in congiunture dove la richiesta supera l’offerta.

Il Metodo Riscaffitto non risolve le difficoltà economiche ed i problemi finanziari degli interessati, ma consente di porre in atto concretamente un programma di contestuale vicendevole disinvestimento e investimento con il vantaggioso sistema “Riscaffitto” o ” SlowBuy“.

Se tra qualche anno, come ci auguriamo, il numero delle compravendite sarà nuovamente aumentato e di conseguenza i valori cresceranno, essi renderanno per contro di nuovo via via sempre più difficile l’accesso alla proprietà, se non con metodi “slow buy“.

Il Metodo dei contratti a “godimento anticipato” permetterà fra qualche anno di smorzare e sfasare le punte delle onde crescenti create dai normali andamenti ciclici del mercato, così come un sano indebitamento con finanziamenti rateali agisce da stimolo ai consumi.

Dott. Vincenzo Marzullo