La Legge di conversione ha prorogato l’efficacia delle disposizioni di cui all’art. 12, comma 7-bis, del D.L. n. 145/2013, (convertito con la Legge n. 9/2014) consentendo così, anche per il 2017, la compensazione delle cartelle esattoriali con i crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, per somministrazioni, forniture, appalti e servizi, anche professionali, maturati dalle imprese nei confronti delle Amministrazioni Pubbliche e certificati, a condizione che le somme iscritte a ruolo siano almeno pari o inferiori al credito vantato.