Con la delibera 547/13/CONS, l’Autorità ha ridotto l’aliquota contributiva per il 2014, che sara’ pari a 1,4 per mille.

La misura e’ stata ridotta, in quanto l’Autorita’ e’ stata sgravata dal dovere di sostenere con i propri contributi le altre Autorita’ indipendenti, alla luce delle  sentenze del T.A.R. del Lazio, depositate in data 5 marzo 2014, con cui sono stati decisi i ricorsi promossi da Sky, Telecom, Fastweb, Wind e Vodafone, in coerenza con la sentenza interpretativa della Corte di Giustizia dell’Unione europea del 18 luglio 2013.

Il T.A.R. del Lazio ha infatti disapplicato, in quanto in contrasto con il diritto dell’Unione europea, la norma nazionale (articolo 2, comma 241, della legge n. 191 del 2009, c.d. “legge finanziaria” 2010) che ha imposto all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni di finanziare, nell’anno 2011, altre autorità indipendenti con i contributi ad essa versati dagli operatori di comunicazione.