Tutti concordano che la Cina non è un’economia di mercato, ma non c’è ancora accordo su come misurare il dumping dalla Cina quando i costi e i prezzi non sono dipendenti dal mercato. In parole semplici, il dumping si verifica quando un produttore vende nel mercato di origine ad un prezzo più alto rispetto al prezzo richiesto nel mercato d’esportazione. Il problema è come misurare il prezzo in Cina, se lì il mercato è distorto e non basato sulla concorrenza.

La Commissione ha delineato una proposta su come farlo nel novembre 2016 e il Consiglio ed il Parlamento Europeo, i co-legislatori dell’UE, hanno comunicato le loro prime impressioni sulla proposta rispettivamente in aprile ed in giugno. Le due opinioni erano differenti, con entrambe le istituzioni che hanno introdotto emendamenti incompatibili l’uno con l’altro. Adesso, il Consiglio, il Parlamento e la Commissione dovranno sedersi insieme per negoziare un testo di compromesso accettato da tutti. Le trattative continueranno durante l’estate, con la Commissione che spera di concludere questo dialogo a tre per metà settembre in modo da rendere effettive le nuove regole prima della fine del 2017.