In data 20 maggio 2019, l’Unione europea e la Cina hanno stipulato due accordi con l’intento di incrementare la competitività dell’Unione europea nel settore dell’aereonautica e di rafforzare i rapporti con la Cina.

Nel trasporto aereo, la Cina è il secondo maggiore partnercommerciale dell’Unione, dopo gli Stati Uniti. Gli accordi siglati promuoveranno il commercio dell’Unione europea di aeromobili e dei prodotti correlati, garantendo al tempo stesso i più alti livelli di sicurezza aerea.

L’accordo bilaterale per la sicurezza dell’aviazione civile (bilateral civil aviation safety agreement, BASA) prevede l’eliminazione, da parte delle autorità dell’aviazione civile, della duplicazione delle attività di valutazione e certificazione per i prodotti aereonautici in modo da ridurre i costi per il settore. L’accordo intende altresì promuovere la cooperazione tra Cina e Unione europea al fine di raggiungere un alto livello di sicurezza dell’aviazione civile e compatibilità ambientale.

Il secondo accordo firmato è un accordo orizzontale sull’aviazione (horizontal aviation agreement). Con esso la Cina riconosce il principio di designazione dell’Unione europea, in virtù del quale tutte le compagnie aeree dell’Unione potranno volare in Cina partendo da qualunque Stato membro con un accordo bilaterale sui servizi aerei con la stessa, innovando rispetto alla situazione precedente in cui soltanto le compagnie aeree possedute e controllate da un determinato Stato membro o dai suoi cittadini potevano operare voli tra detto Stato membro e la Cina. In questo modo gli accordi bilaterali sui servizi aerei tra la Cina e gli Stati membri dell’Unione saranno resi conformi alla legislazione europea, garantendo certezza giuridica alle compagnie aeree europei e cinesi.

Gli accordi sono stati raggiunti in seguito al Vertice UE-Cina del 9 aprile 2019 e rientrano nell’ambito della Strategia dell’Aviazione in Europa della Commissione Junker, che mira a incentivare la crescita delle imprese europee e a promuoverne l’innovazione, migliorando altresì le condizioni dei voli per i passeggeri. La Commissione europea e l’amministrazione dei trasporti cinese procederanno con le rispettive procedure interne per mettere in atto la conclusione degli accordi.