Nell’aprile 2013, il Fútbol Club Barcelona (in prosieguo: il «Barcelona») ha chiesto la registrazione come marchio comunitario di un segno figurativo consistente nella forma del suo stemma per, tra gli altri, prodotti di carta, capi d’abbigliamento e attività sportive (il segno a destra).

Nel maggio 2014, l’UAMI ha respinto la domanda di registrazione con la motivazione che il segno non era idoneo a richiamare l’attenzione dei consumatori sull’origine commerciale dei prodotti e dei servizi oggetto della domanda.

Il Barcelona ha presentato ricorso dinanzi al Tribunale dell’Unione europea contro la decisione dell’UAMI.

Nella sua sentenza del 10 dicembre 2015, T-615/14, il Tribunale conferma che nessuna delle caratteristiche del segno in questione contiene elementi di spicco tali da richiamare l’attenzione dei consumatori. Il marchio richiesto, infatti, sarebbe percepito dai consumatori piuttosto come una forma semplice e non consentirebbe loro di distinguere i prodotti o i servizi del suo titolare da quelli delle altre imprese. Il Tribunale osserva altresì che gli stemmi vengono utilizzati abitualmente in ambito commerciale a fini puramente decorativi, senza rivestire una funzione di marchio.

Di conseguenza, il segno in questione non possiede il carattere distintivo richiesto dal regolamento sul marchio comunitario ai fini della sua registrazione. Il Tribunale rileva inoltre che il Barcelona non è riuscito a dimostrare che tale segno abbia acquisito un carattere distintivo in seguito all’uso.

Alla luce di quanto precede, il Tribunale respingeva integralmente il ricorso del Barcelona. Il marchio richiesto non consentiva ai consumatori di individuare l’origine commerciale dei prodotti e dei servizi oggetto della domanda di registrazione.