In data 30 marzo, 2017, il Garante per la protezione dei dati personali ha sanzionato 5 societa’ (Sigue Global Service Limited, Yume s.r.l., Marc 1 s.r.l; Sirama s.r.l; Euro Comunication System s.r.l) per la somma complessiva di 11 milioni di euro che operano nel settore del money transfer per aver usato in modo illecito i dati personali di più di mille persone inconsapevoli.

Le citate societa’, per assecondare il desiderio della clientela di impedire l'associazione tra le rimesse finanziarie e i reali mittenti, operavano attraverso la tecnica del frazionamento (dividendo cioè le somme di denaro in più operazioni sotto la soglia prevista dalla normativa antiriciclaggio) e attribuivano i trasferimenti di denaro a più di mille clienti del tutto ignari, utilizzando illecitamente i loro dati.

L'assenza del consenso dei predetti soggetti può essere, infatti, agevolmente desunta da una pluralità di circostanze: a) i soggetti in questione non corrispondono mai ai reali mittenti; b) in alcuni casi i moduli contengono dati personali relativi a soggetti deceduti od inesistenti o sono privi della sottoscrizione; c) gli invii di denaro sono stati effettuati a pochi secondi gli uni dagli altri, per importi appena sotto soglia ed indirizzati ad un unico beneficiario; d) i nominativi cui è stato attribuito fittiziamente ciascun invio sono stati raccolti da documenti d'identità appositamente conservati, in fotocopia, presso l'agenzia all'interno di più raccoglitori e da utilizzare all'occorrenza.