Delle agevolazioni varate dal Governo in favore delle imprese che investono in innovazione, avevamo già parlato all’inizio dell’anno (vedi qui).

Ora le agevolazioni fiscali previste dal Patent Box diventano operative: è del 20 Ottobre scorso la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto interministeriale del 30 Luglio 2015, con il quale sono state varate le disposizioni che consentiranno alle imprese interessate di esercitare l’opzione per fruire dell’agevolazione fiscale.

Si tratta di uno detassazione sostanziale (pari al 30% nel 2015, al 40% nel 2016 ed al 50% nel 2017) di una quota del reddito ottenuto dalle imprese mediante lo sfruttamento di diritti di proprietà intellettuale di cui siano titolari: brevetti (ivi comprese le invenzioni biotecnologiche, i certificati di protezione complementare, i brevetti per modelli d’utilità e i brevetti e certificati per varietà vegetali), marchi, disegni e modelli giuridicamente tutelabili, software protetto da copyright, e finanche know how (da intendersi come il complesso di informazioni aziendali ed esperienze tecniche industriali, comprese quelle commerciali o scientificamente proteggibili come informazioni segrete, giuridicamente tutelabili).

Il decreto appena varato disciplina in dettaglio la procedura che le imprese interessate dovranno seguire per fruire dell’agevolazione.